Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 2, 2017

Rubrica: Locali di gusto
Articolo di Squadrilli L.
(Articolo di pagina 96)

Livello1, pescheria con chef

Nella cucina di Livello1, il nuovo ristorante con “Pescatoria” in zona EUR, il giovane e bravo chef Mirko Di Mattia

Da diversi anni, prima a Milano e poi a Roma e in altre città italiane, si è diffusa la moda del mangiare in pescheria: mensole, tavolini e sgabelli su cui sedersi per mangiare il pesce che più fresco non si può, magari crudo o cotto in maniera semplice ma gustosa. Da qualche tempo, però, a Roma si può fare anche il contrario, vale a dire andare a mangiare in un bel ristorante, con una cucina di mare giustamente creativa e ben fatta e un servizio all’altezza, e fermarsi — prima o dopo — in pescheria, per portare a casa del buon pesce e qualche idea per la prossima cena.
Succede da Livello1, ristorante con “pescatoria” — un negozio adiacente ma separato dove durante il giorno si può acquistare il pesce di ottima qualità che arriva da Anzio, Ponza e Fiumicino approfittando anche dei consigli della brigata di cucina per la preparazione — aperto nel maggio del 2016 in via del Serafico, una zona dell’EUR dove fino a quel momento mancavano indirizzi davvero validi di ristorazione, tanto più di pesce.
L’idea è stata di Emilia Branciani, interior designer e amante della buona cucina, che insieme ad un gruppo di amici ha deciso di aprire il locale dove a loro stessi sarebbe piaciuto mangiare, curandone in prima persona la progettazione: una sala interna dal design decisamente moderno in cui spicca la grande vetrata con decorazioni “marine” che separa la cucina dalla sala, lasciando intravedere il lavoro svolto dallo chef e dalla sua brigata, e un gradevole spazio esterno. «Ho scelto colori naturali, con la predominanza degli elementi di terra e di acqua, per creare un ambiente confortevole in cui il cliente potesse sentirsi protagonista e vivere un’esperienza gastronomica fuori dal comune» spiega. Per la cucina, all’inizio Emilia e soci si erano rivolti allo chef Felice Lo Basso, conosciuto quando era il cuoco dell’Alpenroyal Grand Hotel di Selva di Val Gardena e oggi chef patron del Felix Lo Basso Restaurant a Milano, in piazza Duomo. Lo Basso, pugliese e grande conoscitore della cucina di mare, ha impostato il menu iniziale affidandone l’esecuzione al giovane e bravo Mirko Di Mattia, fino ad allora al lavoro nelle cucine dell’Hotel Gavius di Roma. Passione, tenacia e creatività unite ad un’ottima tecnica lo hanno portato in pochi mesi ad assumere il comando in cucina inserendo in menu le sue ricette originali, fantasiose ma mai sopra le righe, e confermando l’obiettivo iniziale: “proporre una cucina di livello (da qui il nome del ristorante) basata sulla scelta di un prodotto di qualità, lavorato il meno possibile proprio per esaltare l’eccellenza della materia prima”.
Tra i piatti in carta, il carpaccio di gambero rosso, con burrata pugliese, mandorle tostate e chips di riso soffiato, il risotto Acquerello con broccoletti saltati, crudo di gamberi rossi e caviale, lo spaghettone Felicetti con astice, ‘nduja di peperone e Patanegra croccante e i bocconcini di coda di rospo alla vaccinara, divertente e goloso rimando alla tradizione romanesca di terra. A pranzo ci sono anche proposte più classiche, come gli spaghettoni Felicetti alle vongole veraci e bottarga, e naturalmente il menu può variare ogni giorno in base al pescato. Non manca nemmeno qualche ispirazione esotica, con cui lo chef si diverte a mescolare un po’ le carte e a giocare con l’ottima materia prima di cui dispone. Per esempio, il Causushi, che unisce la tipica preparazione giapponese di pesce crudo alla causa rellena, specialità peruviana di origine precolombiana a base di patate e peperoncino giallo, che sostituisce la classica “polpetta” di riso del sushi.
Piatti gustosi e mai banali, da abbinare con le etichette altrettanto interessanti della carta dei vini o con gli ottimi cocktail preparati dal barman. L’indovinata formula per l’aperitivo prevede invece selezioni di ostriche e crudi di pesce o di formaggi francesi, o la degustazione di due, quattro o sei assaggi di primi, da accompagnare con una flûte di bollicine o con un buon cocktail.


Luciana Squadrilli



Livello1
Via Duccio di Buoninsegna 25 (EUR Serafico) – 00142 Roma
Telefono: 06 5033999
Web: www.ristorantelivello1.it



Nota
Menu degustazione: e 50, 60 e 70; prezzo medio, bevande escluse: e 70. Aperto dal martedì al sabato a pranzo e cena. La domenica solo a pranzo. Chiuso il lunedì. La pescatoria è chiusa la domenica e il lunedì.

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.