Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 5, 2003

Rubrica: Maricoltura
Articolo di Ferrari F.
(Articolo di pagina 40)

Souvenir di Lampedusa

 

 

"È probabile — pensavo poco tempo fa, davanti a un delizioso trancio grigliato di ricciola — che questo pesce pregiato e profumato arrivi, e perché no, proprio da Lampedusa, da Punta Sottile, l’estremo lembo di terra dell’isola e dell’Italia nel Mediterraneo".

è molto probabile, mi ripetevo, perché tra quelle rocce che spuntano dalle onde azzurre del mare, i Consiglio, Vincenzo e i suoi quattro figli, come abbiamo visto e scritto su questa Rivista, allevano con la massima cura e lunga esperienza artigianale, in un’Acquacoltura d’avanguardia, apprezzate e richieste specie di pesci quali orate, spigole e appunto ricciole.

In passato l’attività avveniva al largo, in gabbie sommerse che però furono distrutte da una forte tempesta che mise quei contenitori fuori uso per sempre.

Da allora l’impresa si è trasferita sulla costa utilizzando capaci vasconi di acqua prelevata, sia dal mare che da pozzi, a temperatura e salinità costanti.

 


Il professor Vincenzo Consiglio, fondatore dell’Acquacoltura Lampedusa.

 

L’iniziativa dei Consiglio conta oggi su un mercato esteso, in crescita anche oltre i confini nazionali.

Ma rievocando quel mondo è impossibile non ricordare, con nostalgia, le sue bellezze naturali: i fondali, le insenature, le spiagge… e poi la cucina, le tradizioni, insomma tutta l’offerta ospitale di un’isola che ha nel turismo la sua seconda (forse la prima ) voce d’entrata, dopo il pesce e l’annessa piccola industria conserviera.

La stagione balneare è infatti lunga e soleggiata. Lì il Mediterraneo resta caldo fino a ottobre inoltrato così come la sabbia bianca racchiusa tra le tante cale e calette che caratterizzano il frastagliato perimetro dell’isola.

 


Lampedusa, Isola dei Conigli.

 

è vero, la terra, le rocce hanno perso gran parte dell’antica vegetazione, ma non il loro primitivo fascino, essenziale, selvaggio, che riflettono nelle ore del tramonto e nelle notti di luna.

E tutt’attorno il mare, vero grande richiamo di Lampedusa, coi suoi nascondigli, le sue appartate rientranze, i suoi umori e colori.

Certo è soprattutto d’estate l’esodo verso questo paradiso, ma per chi potesse… settembre, ottobre, la primavera, sarebbero "tempi" ideali per visite e soggiorni. Lampedusa si raggiunge facilmente da parecchi scali aerei, direttamente o con cambi a Roma o a Palermo.

I Consiglio, che sognano che il loro impianto ittico possa divenire un centro di ricerca, una piccola Università del mare, assieme a tanti altri, a tutti gli isolani, saranno lieti di darvi, o ridarvi, il loro più sincero benvenuto!

Franco Ferrari

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.