Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 2, 2021

Rubrica: SostenibilitĂ 
(Articolo di pagina 68)

La produzione di carne bovina sostenibile

Policy & Practice nel contesto del Green Deal con il progetto BovINE, Beef Innovation Network Europe

Lo scorso dicembre gli stakeholder dell’industria della carne bovina di tutta Europa hanno partecipato al primo incontro transnazionale di BovINE, il primo e unico network per l’innovazione della carne bovina finanziato dall’UE. L’obiettivo? Sviluppare il lavoro per il miglioramento della sostenibilità in tutto il settore.

L’incontro on-line di BovINE, dal titolo La produzione di carne bovina sostenibile: Policy & Practice nel contesto del Green Deal”, si è concentrato su come la sostenibilità possa essere migliorata all’interno del settore condividendo le innovazioni della ricerca e gli esempi di buone pratiche agricole con gli stakeholder europei. L’evento è stato organizzato da BovINE, la rete tematica per l’innovazione finanziata dal programma Horizon 2020 dell’UE, incentrato sulle sfide della sostenibilità che il settore dell’allevamento bovino deve affrontare.

Tra i relatori, Janusz Wojciechowski (Commissario europeo all’Agricoltura), Grzegorz Puda (ministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale della Polonia, Paese ospite dell’incontro), Jean Pierre Fleury (presidente del gruppo di lavoro Carni bovine del Copa-Cogeca), Jacek Zarzecki (presidente della Polish Association of Beef Cattle Breeders and Producers) e Jean Françoise Hocquete (referente scientifico del Group of International Meat Research 3GF, INRAE, e presidente della EAAP Cattle Commission). «Sono felice che il primo incontro transnazionale BovINE sia stato ospitato dal nostro partner, la Polish Beef Association (PBA)» ha detto il coordinatore del progetto BovINE, il professor Maeve Henchion, del Teagasc.

L’incontro ha presentato le prospettive europee sul futuro dell’allevamento bovino in Europa e ha riunito — virtualmente — agricoltori, consulenti, ricercatori e altri stakeholders di tutta Europa, per discutere soluzioni innovative e pratiche alle sfide attuali del settore della carne bovina. «Le restrizioni di Covid-19, ironia della sorte, ci hanno offerto una grande opportunità per essere ancora più innovativi e riunire gruppi più ampi».

«Una pietra miliare dell’European Green Deal è la strategia Farm to Fork dell’UE, il cui obiettivo è fornire ai cittadini europei un’alimentazione sana, accessibile e sostenibile, affrontando il cambiamento climatico, proteggendo l’ambiente e garantendo un equo ritorno economico nella catena di approvvigionamento» ha sottolineato Jerzy Wierzbicki, presidente della Polish Beef Association. «Siamo orgogliosi che il progetto BovINE faciliti l’inclusione delle soluzioni degli agricoltori nell’attuazione di questa strategia.

Ospitare il primo incontro transnazionale di BovINE, basandosi sugli eventi nazionali tenutisi recentemente in nove Paesi europei ha fornito una piattaforma concreta per condividere tali soluzioni con tutti gli stakeholders». L’incontro transnazionale di dicembre 2020 ha infatti seguito gli eventi nazionali realizzati in nove Stati Membri dell’UE con le parti interessate, che hanno stimolato la consapevolezza sugli obiettivi di BovINE e lo scambio di conoscenze e idee per guidare l’adozione di pratiche innovative e collaudate.

Il consorzio partner BovINE rappresenta il 75% della popolazione di vacche nutrici in Europa e il 70% della produzione di carne bovina. La rete BovINE si collega con gli allevatori di tutta Europa fornendo una piattaforma aperta — il Knowledge Hub BovINE — dove allevatori di bovini, consulenti, organizzazioni associate e ricercatori possono scambiarsi conoscenze sulle innovazioni della ricerca (RI) e sulle buone pratiche (GP) e condividere esperienze.

Durante l’incontro sono state condivise ricerche e best practices su quattro argomenti centrali:

  1. resilienza socio-economica;
  2. salute e benessere degli animali;
  3. efficienza produttiva e qualità della carne;
  4. sostenibilità ambientale.

Ogni raccomandazione affronta le sfide specifiche che gli allevatori europei di bovini da carne devono attualmente affrontare e include la zoppia nei vitelloni da carne, la riduzione della mortalità dei vitelli appena nati, la riduzione dell’impronta di carbonio della produzione di carne bovina, la pianificazione economica degli allevamenti di bovini da carne e gli strumenti di monitoraggio degli animali.

>> Link: www.bovine-eu.net

 

BovINE (Innovation Network Europe)

BovINE (Innovation Network Europe) è stato istituito in 10 Stati Membri dell’Unione Europea per concentrarsi sulle esigenze dei 255.000 allevatori che costituiscono il settore della carne bovina dell’UE. Il progetto sta affrontando le sfide urgenti della sostenibilità degli allevamenti identificate dai produttori, riunendo allevatori di bovini, organizzazioni di allevatori, consulenti, ricercatori e altre parti interessate per sviluppare collettivamente innovazioni pratiche che possano essere implementate negli allevamenti bovini europei. Coordinato da Teagasc (Irlanda), BovINE è stato costruito intorno ad un approccio multi-attoriale, che richiede una cooperazione mirata tra ricercatori, consulenti, agricoltori e altri attori/protagonisti rilevanti nel settore della carne bovina, per facilitare meglio lo scambio di conoscenze e l’accettazione di soluzioni condivise. Attraverso un’efficace cooperazione tra allevatori e ricercatori, BovINE formerà un ecosistema transnazionale per stimolare lo scambio di conoscenze a livello internazionale, incrementando così la vitalità economica e la sostenibilità del settore bovino europeo. In Italia BovINE opera attraverso due partner:

  1. il Centro Ricerche Produzioni Animali (CRPA Spa) di Reggio Emilia (www.crpa.it);
  2. l’Associazione Produttori Carni Bovine del Triveneto (UNICARVE) di Legnaro, Padova (unicarve.it).

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.