Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2021

Rubrica: Comunicare la carne
(Articolo di pagina 72)

Le carni francesi e la responsabilità sociale

“Patto per un impegno sociale”: così è stata denominata l’iniziativa di responsabilità sociale avviata da qualche anno dalla filiera francese del bestiame e delle carni

Interbev (www.interbev.fr), l’associazione inter-professionale francese del bestiame e delle carni, ha avviato nel 2017 il Patto per un impegno sociale. Questo patto, attraverso l’organizzazione interprofessionale, attesta l’approccio collettivo alla sostenibilità del comparto carni e bestiame e mira a soddisfare le aspettative che la società ha in materia di buone pratiche di produzione e consumo. Per raggiungere questi obiettivi, sono state identificate quattro aree d’azione:

  1. protezione ambientale;
  2. benessere, tutela e salute degli animali;
  3. equa retribuzione per tutti gli operatori del comparto e attrattiva delle professioni nell’ambito dello stesso;
  4. prodotti alimentari di qualità, sani e sostenibili.

Per quanto riguarda la tutela dell’ambiente e del territorio, una delle principali preoccupazioni è quella di ridurre l’impatto ambientale. Per questo la filiera bovina francese ha aderito al programma pilota Life Beef Carbon, varato nel 2015, che si prefigge di ridurre del 15% nell’arco di 10 anni le emissioni di gas ad effetto serra dell’industria della carne bovina in Francia. Inoltre, è stata studiata un’iniziativa per incentivare il manto erboso e preservare i servizi ecosistemici dei pascoli: in effetti l’erba da pascolo mitiga i cambiamenti climatici, perché immagazzina nel terreno grandi quantità di anidride carbonica, salvaguardando al tempo stesso la qualità dell’acqua e la biodiversità. Per questo motivo, col sostegno di ADEME (Agenzia per la transizione ecologica), Interbev ha varato un progetto che intende fornire, nei disciplinari per la produzione di carne a marchio Label Rouge e di carne biologica, una valutazione più esatta della valorizzazione dell’erba di pascolo e a divulgarne gli impatti e i benefici ambientali legati.

Altro importante obiettivo è quello di aumentare l’autosufficienza delle aziende e combattere la deforestazione d’importazione. In Francia, il 90% del mangime per le mandrie di animali erbivori viene prodotto direttamente nell’azienda agricola e ciò rappresenta un alto livello di autosufficienza sotto l’aspetto agronomico ed ecologico. Tra il 10% del mangime per gli animali che proviene dall’esterno, lo 0,8% è costituito dai semi di soia importati dal Sudamerica, potenzialmente da zone deforestate. Per ridurre tale impatto il comparto ha adottato tre strategie:

  • aumentare l’autosufficienza proteica delle aziende ricorrendo alle valutazioni effettuate con un programma denominato CAP’2ER®;
  • incrementare l’autosufficienza (Francia e UE) tramite il Programma per le proteine vegetali per la Francia 2014-2020, a cui contribuisce anche Interbev;
  • promuovere la coltivazione sostenibile della soia. Questo è quanto si prefigge di fare la piattaforma DURALIM, che stabilisce l’obiettivo di raggiungere il 100% di produzione di soia sostenibile entro il 2025 (con deforestazione uguale a zero). Interbev è fra i soci di questa piattaforma dal 2019.

Altra importante area d’azione del Patto per un impegno sociale è quella del benessere, tutela e salute degli animali. Per affrontare le questioni sollevate riguardo le condizioni di allevamento, trasporto e macellazione degli animali, il settore si è dotato di strumenti che consentono di valutare il benessere e la tutela degli animali in ogni passaggio della filiera, per monitorare costantemente e migliorare le condizioni di vita dell’animale.

Nasce così BoviWell, lo strumento per la valutazione del benessere animale in zootecnia che si articola in tre fasi:

  1. un colloquio con l’allevatore, che esprime il suo punto di vista sulle aspettative dell’opinione pubblica, le caratteristiche della sua azienda e i risultati ottenuti sul piano del benessere animale;
  2. la valutazione di un tecnico sui diversi criteri che riguardano gli animali e l’ambiente in cui vivono;
  3. l’esito dell’esame, ottenuto assegnando un voto a ciascun criterio delle “5 libertà” e individuando inoltre le possibili migliorie da apportare e i comportamenti corretti da adottare.

L’obiettivo è che il 100% degli allevamenti di bovini da carne abbia effettuato la diagnosi di BoviWell entro il 2025.

Interbev e le federazioni della macellazione e distribuzione hanno inoltre elaborato linee guida per la tutela degli animali negli impianti di macellazione. La prima edizione di queste linee guida, basata sulle norme esistenti e sulle indicazioni di buona pratica, è uscita nel gennaio 2019 e una nuova edizione è prevista nel 2020. Su questo fronte si punta al raggiungimento del 100% dei macelli sottoposto a un audit esterno sulla tutela animale. Questi sono solo alcuni punti del Patto per un impegno sociale: Interbev ha infatti rilasciato nel 2020 la prima relazione di Responsabilità Sociale delle Imprese che presenta l’insieme dei lavori intrapresi, obiettivi specifici e indicatori per il monitoraggio.

 

La campagna di comunicazione della carne bovina francese in Italia

“La nostra passione, il nostro impegno”: è questa la firma della campagna di comunicazione della carne bovina francese. Il progetto, alla sua seconda annualità di tre, mira a dare voce a tutti gli operatori del settore. È proprio l’unione e l’impegno di tutti i soggetti coinvolti che permettono alla Francia di offrire un prodotto di qualità, riconosciuta in tutto il mondo. Una qualità che nasce dall’allevamento, dove il rispetto dell’animale e un’alimentazione naturale sono centrali, fino al processo di trasformazione, caratterizzato da una sicurezza irreprensibile e un know-how unico. Questo percorso, dal campo al piatto, fa sì che la Francia sia da sempre leader europeo nel settore.

 

Chi è Interbev?

Fondata nel 1979 su iniziativa delle organizzazioni rappresentative della filiera, Interbev è l’associazione interprofessionale francese del bestiame e delle carni. Essa rispecchia la volontà dei professionisti del settore bovino, ovino, equino e caprino di offrire ai consumatori dei prodotti sani, di qualità e identificati lungo la filiera. Riunisce e valorizza inoltre gli interessi comuni dell’allevamento francese, delle attività artigianali, industriali e commerciali di questo settore che costituisce una delle prime attività economiche del territorio francese.

>> Link: www.interbev.fr

 

Didascalia: attraverso l’organizzazione interprofessionale Interbev, il “Patto per un impegno sociale” attesta l’approccio collettivo alla sostenibilità del settore carni e bestiame francese. Esso mira a soddisfare le aspettative che la società e il settore hanno in materia di buone pratiche di produzione e consumo. I temi chiave sono la responsabilità sociale d’impresa, il supporto alle imprese della filiera delle carni e, non meno importante, il coinvolgimento di tutto il settore. Come? Individuando collettivamente aspettative, pratiche correnti e spazi di miglioramento e monitorando l’attività dei mass-media.

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.