Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 5, 2020

Rubrica: La carne nel mondo
(Articolo di pagina 10)

Italia-Cina — Europa — Cina — Argentina

Italia-Cina
A seguito della visita in Italia di Xi Jinping avvenuta nel mese di marzo 2019, durante la quale il Presidente della Repubblica Popolare Cinese si è impegnato col nostro Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a concludere la procedura per consentire le importazioni di carne bovina dall’Italia verso la Repubblica Cinese, le autorità cinesi hanno sottoscritto l’atteso Protocollo che sancisce l’apertura del mercato cinese alle carni bovine italiane. La decisione è stata comunicata lo scorso 8 aprile dall’Ambasciatore d’Italia a Pechino Luca Ferrari che ha sottoscritto il Protocollo. «Si tratta della conclusione di un lavoro avviato da anni che finalmente arriva al traguardo — ha dichiarato il vicepresidente Assocarni Luigi Scordamaglia — su cui la filiera delle carni italiana, ed in particolare Assocarni, ha lavorato in maniera perfettamente coordinata con l’Ambasciata d’Italia a Pechino e con i nostri Ministeri degli Esteri, della Salute e dell’Agricoltura e che oggi apre, in uno scenario di commercio globale non facile, nuove opportunità importanti per le aziende italiane del settore bovino» (fonte: Assocarni).

 

Europa
Garantire un’immediata iniezione di liquidità agli agricoltori italiani ed europei in gravi difficoltà a causa della pandemia di coronavirus, facendo ricorso ai fondi non ancora impegnati dello Sviluppo rurale per l’attuale periodo di programmazione 2013-2020 che, come annunciato dal commissario europeo all’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, ammontano ad almeno 6 miliardi di euro a livello UE. Lo ha reso noto Paolo De Castro, coordinatore S&D alla Commissione Agricoltura dell’Europarlamento, al termine della riunione dei coordinatori di tutti i gruppi politici, a cui ha partecipato anche il commissario Wojciechowski. «Il commissario — ha detto l’europarlamentare PD — ci ha anche assicurato che, oltre alla libera circolazione delle merci, la situazione è stata sbloccata per la libera circolazione dei lavoratori agricoli, che potranno utilizzare corridoi verdi per muoversi da uno Stato Membro all’altro, come era stato da noi richiesto. Questo è il momento di scelte politiche ambiziose — ha concluso De Castro —, che diano risposte concrete e immediate ai nostri produttori e all’intero sistema agroalimentare europeo, che non può essere lasciato in balia di se stesso» (fonte: www.paolodecastro.it).

 

Cina
Secondo il Ministero cinese delle Politiche Agricole e Rurali si prevede che la produzione nazionale di suini recupera la normalità quest’anno poiché la diffusione della peste suina africana (PSA) è in diminuzione e le autorità hanno rafforzato le ispezioni sugli animali per il controllo della malattia. Yang Zhenhai, a capo dell’Ufficio veterinario del Ministero, ha dichiarato che il numero di focolai di PSA è significativamente inferiore quest’anno rispetto al 2019, con un singolo focolaio segnalato di recente (nello stesso periodo l’anno scorso erano già stati segnalati 12 focolai). Secondo Yang, gli inventari dei riproduttori sono aumentati per quattro mesi consecutivi, l’8% in più rispetto a settembre. Il Ministero continuerà comunque a fornire servizi all’industria e aiuti agli allevamenti (fonti: english.agri.gov.cn3tre3.it).

 

Argentina
Il ministero argentino dell’Agricoltura, Allevamento e Pesca riferisce che il Paese ha avviato l’esportazione di carne ovina surgelata in Cina, con una prima spedizione di oltre 21 tonnellate dal Frigorífico Montecarlo, nella provincia di Santa Cruz. Il capo del gabinetto agricolo nazionale, Luis Basterra, ha affermato che «la qualità e la sicurezza del cibo argentino ci consentono di continuare ad espandere le nostre esportazioni», sottolineando il lavoro svolto dal Servizio nazionale per la salute e la qualità dell’agroalimentare (Senasa), che ha certificato, attraverso il Centro regionale della Patagonia meridionale, il controllo sanitario dell’intera catena di produzione di carne ovina richiesta dalla Cina: dalla fornitura della materia prima al processo di macellazione, stoccaggio, carico dei camion e certificazione di esportazione. Il carico è partito ad inizio aprile dalla città di Río Gallegos via terra fino al porto di Buenos Aires, da dove è stato imbarcato su una nave con destinazione Cina (fonte: EFA News – European Food Agency).

 

Altre notizie

In memoria del professor Sergio Ventura

Correva l’anno 2000, mese di giugno, quando Renzo Fossato, allora Presidente di UNICEB, scriveva: “Nel corso del nostro lavoro ci è capitato sovente di coinvolgere la persona del prof. Sergio Ventura, a partire dal suo primo incarico avvenuto nel 1962 nei Servizi dell’Organo esecutivo dell’Unione Europea e via via lungo la sua densa e brillante carriera fatta nei palazzi bruxellini, non senza osservare che la nostra personale conoscenza è di molto anteriore. È stato un crescendo continuo quello del prof. Ventura, così come costanti sono state la stima e la considerazione acquisita dallo stesso sia in ambito comunitario che internazionale, dovute alla sua alta professionalità, peculiare managerialità e concretezza operativa. La sua aperta e completa disponibilità verso l’utenza e lo speciale riguardo verso di noi ha segnato le tappe più significative della nostra Unione (assemblee ordinarie e straordinarie, iniziative promosse nei vari comparti in cui si esprime la nostra multiforme attività), tanto da poter considerare il prof. Ventura uno dei Nostri. Stima senza limiti, amicizia disinteressata e mai prevaricante il reciproco ruolo istituzionale hanno connotato, con reciproca gratificazione, un rapporto pressoché quarantennale”. Il dott. Fossato aveva scritto queste parole in occasione del congedo del prof. Ventura dalla Commissione dell’Unione Europea. Negli anni a seguire, il professore ha firmato tanti articoli pubblicati su questa rivista, dandoci una visione esterna dei problemi dell’industria delle carni, nella sua interezza anche economica e di mercato globale, sempre interessanti e ricchi di spunti di riflessione. Lo scorso 17 marzo il prof. Sergio Ventura è mancato all’affetto dei suoi carni e tutta la Redazione di Eurocarni si stringe commossa al dolore dei figli Patrizio e Manfredi e delle loro famiglie.

Didascalia: Sergio Ventura.

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.