Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2020

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 66)

Dalla Cooperativa alla Corte: storia di un’eccellenza dalla vocazione sostenibile

Con la nascita dell’agriturismo, Cooperativa Zootecnica Scaligera completa il suo circolo virtuoso di eccellenza. E apre le porte agli amanti della carne e della buona cucina

L’unione fa la forza. È una regola senza eccezioni, un motto vincente che stimola ed entusiasma persone con obiettivi comuni e che apre le porte a nuovi progetti ed opportunità. Questo accade in Cooperativa Scaligera da quasi 50 anni: molteplici realtà di piccoli allevatori hanno unito le proprie forze ed attivato un circolo virtuoso di eccellenza, dove il benessere degli animali e la produzione di carni di prima scelta sono al centro del loro operato.
Oggi Cooperativa Zootecnica Scaligera conta oltre 40 allevamenti nelle province di Verona, Mantova, Brescia, Vicenza, Rovigo, Padova e Treviso: 50 soci, 3000 ettari coltivati, 40.000 capi prodotti ogni anno e 400 piani annuali di autocontrollo. Ed un fatturato annuo che è un successo assoluto: oltre 90 milioni di euro. I benefici sono molteplici: dal monitoraggio degli acquisti all’ottimizzazione delle spese di gestione delle singole aziende, al controllo di qualità dei mangimi e dei foraggi prima di destinarli ad ogni singolo allevamento. Nessun intermediario, nessuna interferenza esterna: la cooperativa funziona attraverso una gestione trasparente, condivisa ed equilibrata, un controllo capillare di tutte le fasi di lavoro e la messa a punto di un meccanismo ben oliato di filiera corta.
Prendersi cura in autonomia del proprio territorio e del benessere dei propri animali è una forma di tutela per le aziende consorziate, ma anche una garanzia di qualità per i consumatori, che possono conoscere l’esatta provenienza delle carni attraverso dei processi rigorosi di identificazione, registrazione ed etichettatura. Mettere in pratica questo circolo virtuoso di eccellenza ha richiesto tempo e pazienza, nel rispetto dei cicli della natura e dell’avvicendarsi delle stagioni. L’intento? Lavorare la terra, prendersi cura degli animali, preservare genuinità e qualità attraverso tutte le fasi di lavorazione al fine di portare solo carni di prima scelta sulle tavole dei consumatori. In Cooperativa Zootecnica Scaligera tutti i consorziati sono da sempre convinti che l’eccellenza sia un percorso da costruire giorno dopo giorno, stagione dopo stagione, attraverso una cura costante del territorio e del benessere degli animali, ai quali vengono garantiti ampi spazi vitali e un’alimentazione controllata ed equilibrata. Un circolo perfezionato grazie a scelte sostenibili, concretizzate attraverso l’impiego di tecnologie innovative, ma rigorosamente al servizio dell’ambiente. Come le stalle, dotate di ventole verticali ed ampi spazi ricoperti di pannelli fotovoltaici per una gestione ottimale dell’energia elettrica. O l’ottimizzazione dell’acqua nell’irrigazione dei campi, effettuata con impianti ad elevata efficienza energetica e con l’impiego di fotografie satellitari che forniscono una visione precisa dello stato del mais.

Un agriturismo unico del suo genere
Attraverso Cooperativa Zootecnica Scaligera ogni giorno si mette in pratica una concezione di benessere che coinvolge tutti: dagli animali al consumatore finale, nessuno escluso. Per questo ha ritenuto fondamentale completare questo circolo virtuoso con una creazione senza precedenti, per permettere di toccare con mano e “gustare” i benefici di tutta questa eccellenza a km 0. Corte Scaligera è un agriturismo unico nel suo genere, dove la vocazione di famiglia incontra la tradizione della cucina veneta ed italiana e dove gustare le nostre carni o acquistarle presso lo spaccio dedicato, richiedendo anche tagli personalizzati. E, poiché l’eccellenza chiama eccellenza, tutti i partner scelti per questa avventura condividono con Corte Scaligera lo stesso iter di qualità e vocazione sostenibile. I vini, l’olio, le farine: in ogni nome c’è un percorso di sostenibilità e qualità che accomuna gli associati della Cooperativa. Una strada complessa e impegnativa intrapresa per continuare a creare e diffondere la vera eccellenza. E quell’orgoglio e consapevolezza del fare le cose sempre al meglio.

Coop. Zootecnica Scaligera Soc. Ag Coop.
Sede op.: presso Bencarni
Via G. Marconi 36 – 37060 Nogarole Rocca (VR)
Telefono: 045 7930273

Web: www.coopscaligera.it

Agriturismo Corte Scaligera
Via Mediana 31/b – 37060 Mozzecane VR
Telefono: 045 6349060

Web: www.cortescaligera.it

 

Altre notizie

 

Ambiente: Coop ha premiato i suoi fornitori più virtuosi, tra cui Inalca

Sono 370 le imprese (erano 328 nell’edizione precedente) e 556 gli stabilimenti coinvolti, all’interno dei quali sono stati effettuati importanti interventi volti a migliorare le proprie prestazioni a favore della sostenibilità. “Coop for future” è il nuovo volto del progetto voluto da Coop e partito nel 2006 quando, prima insegna della Grande Distribuzione italiana, aveva invitato i fornitori di prodotto a marchio ad adottare azioni mirate alla riduzione dei consumi energetici in linea con gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra sancite allora dal Protocollo di Kyoto e prevedendo la collaborazione per la verifica dei dati di Bureau Veritas Italia. Le cinque più virtuose sono Inalca del Gruppo Cremonini (carni), Orsini e Damiani (ortofrutta), Granarolo (freschi industriali), Oleificio Zucchi (grocery alimentari), Lucart (non alimentari), oltre a nove menzionati per la lotta allo spreco e imballaggi in ottica di economia circolare. Con l’edizione di fine 2019, Coop ha ampliato ulteriormente il contesto di riferimento includendo nell’analisi non solo le azioni volte a diminuire le emissioni di anidride carbonica, ma anche importanti tematiche strettamente correlata all’impatto ambientale ma ad un più ampio concetto: l’energia certo ma anche i consumi idrici, i rifiuti, l’utilizzo di materiali riciclati, le certificazioni adottate, ecc… Una sorta di “radiografia” complessiva sulla sostenibilità, partendo dal presupposto che molte azioni, oltre a portare ad un beneficio per l’ambiente, possono generare contemporaneamente un beneficio economico, grazie al risparmio sui singoli costi. Quanto ai risultati, dall’inizio del progetto ad oggi attraverso le azioni virtuose dei fornitori si stima un risparmio pari a circa 620.000 tonnellate di CO2, pari al consumo di circa 470.000 auto diesel che percorrono in media 10.000 km annui. I criteri di valutazione usati da Coop Italia sono sempre più tarati su precisi indicatori e prevedono soglie minime da raggiungere per ottenere la patente di “fornitore grande amico dell’ambiente”. «Siamo di fronte a dati importanti, ottenuti attraverso un’adesione volontaria» sottolinea Maura Latini, AD Coop Italia. «Le eco-aziende, anche dai grandi fatturati insieme alle medie e piccole, sono in continuo aumento, a dimostrazione di una maggiore sensibilità che va incontro a quello che viene chiesto dagli stessi consumatori, che oggi sono più informati e consapevoli e possono indirizzare in maniera diversa il mercato e l’economia con le loro scelte d’acquisto. E le imprese sono assolutamente recettive e procederanno sempre più in quella direzione. Come dice lo slogan della nostra campagna di comunicazione, Una buona spesa può cambiare il mondo» (fonte: EFA News - European Food Agency).

  • Tra le prime 5 imprese che si sono distinte nell’edizione 2019 di Coop for Future troviamo per il settore “Freschissimi Carni” Inalca Spa, Gruppo Cremonini. Si legge nella motivazione del premio: “Il Gruppo Inalca invia parte degli scarti di lavorazione ad impianti di digestione anaerobica oltre ad utilizzare bioliquidi ottenuti dalla colatura di grasso animale per la produzione di energia; si aumenta così in modo sostanziale la quota di energia verde autoprodotta dal Gruppo in coerenza con gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

 

EURCAW, nasce il secondo centro europeo per il benessere animale

Dopo la nascita dell’EURCAW-Pigs (www.eurcaw.eu/en/eurcaw-pigs.htm), varato nel 2018 sotto il coordinamento dell’Università di Wageningen in Olanda, l’Unione Europea ha istituito il secondo centro continentale per il benessere animale, dedicato a polli, volatili, conigli e in generale ai piccoli animali da allevamento. La guida del nuovo centro è stata affidata all’Agenzia per la sicurezza alimentare francese (Anses), che gestirà le attività dei centri specializzati di Danimarca, Spagna e Italia. La nascita del centro fa seguito alle azioni di attuazione dell’Official Controls Regulation, normativa che ha lo scopo di riordinare un settore nel quale erano già attivi diversi centri in più paesi con l’obiettivo di creare una rete europea per tutelare meglio il benessere animale. Il nuovo EURCAW ha iniziato ufficialmente la sua attività a gennaio 2020. Per i prossimi cinque anni dovrà seguire ogni passaggio della vita dei volatili e degli altri animali, dalla nascita o dalla schiusa delle uova alla macellazione, verificando che siano sempre applicate al meglio le indicazioni europee sul benessere. Oltre ai controlli, l’ente dovrà svolgere un’attività di informazione e sensibilizzazione, fornendo il supporto tecnico in termini di competenza, novità provenienti dal mondo della ricerca, formazione del personale, condivisione dei dati e così via, per cercare di migliorare le condizioni di allevamento, rendendole omogenee in tutti i paesi. Per quanto riguarda l’Italia, saranno coinvolti gli Istituti zooprofilattici della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, insieme alle Università di Milano e Bologna (fonte: www.unaitalia.com).

 

Didascalia: gli spazi dell’agriturismo Corte Scaligera. La cucina è a vista, con griglia gigante per cuocere i vari tagli di carne.

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.