Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 9, 2019

Rubrica: La carne nel mondo
(Articolo di pagina 10)

Australia – Brasile

Australia
Gli agricoltori australiani hanno accolto con favore la presentazione alla Camera dei rappresentanti del Parlamento del Commonwealth di un nuovo disegno di legge che offre maggior protezione dagli animalisti che entrano e causano danni alle loro proprietà. Secondo la National Farmers Federation (NFF), quest’anno si è infatti registrato un forte aumento del numero di episodi di attivismo anti-allevamenti in tutta l’Australia. Il progetto prevede una modifica del Codice penale, con la possibilità di irrorare pene fino a cinque anni di reclusione per chiunque compia danni o furti dalla proprietà, o inciti altri a farlo. Un massimo di 12 mesi in carcere potrebbe essere comminato a chiunque entri in una proprietà agricola e interrompa l’attività agricola. Sarà reato anche la realizzazione e trasmissione di video o foto, considerati un’aggravante del furto o del danneggiamento. La legge riguarda i reati commessi in qualsiasi tipo di azienda agricola nonché all’interno dei macelli. È prevista una deroga per i giornalisti che realizzano reportage di interesse pubblico. È da tempo che le associazioni animaliste in Australia conducono campagne contro gli allevatori. L’associazione Aussie Farms, per esempio, ha compilato e pubblicato sul web una vera e propria lista di proscrizione con i dati di migliaia di allevatori, incitando ad agire contro di loro. Il governo è intervenuto e ha ottenuto la chiusura del sito (fonte: EFA News - European Food Agency).

 

Brasile
Sarebbe potuto diventare il quarto gruppo mondiale nel settore delle carni dopo la brasiliana Jbs, l’americana Tyson Foods e la cinese WH Group. Brf e Marfrig, due importanti gruppi brasiliani, avevano siglato un memorandum of understanding per discutere la possibilità di una fusione, che avrebbe visto la nascita di uno dei più grandi gruppi industriali delle carni al mondo, un gigante diversificato con un fatturato annuo di quasi 80 miliardi di BRL (20,2 miliardi di USD). Ma il matrimonio non s’ha da fare: una nota delle società ha infatti annunciato il blocco delle trattative. Secondo Brf, quindi, “il rapporto commerciale tra la BRF e Marfrig rimarrà invariato e non ci saranno modifiche alle pratiche, condizioni e termini stabiliti negli accordi esistenti stipulati da entrambe le parti” (fonte: EFA News - European Food Agency; in foto, barbecue brasiliano; photo © Andrea Izzotti).

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.