Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 5, 2019

Rubrica: Diamo i numeri
(Articolo di pagina 18)

5

Pollo e tacchino sono le carni preferite dal 54% degli Italiani, che le scelgono come principale fonte di proteine nella propria dieta (dati: Ipsos, 2018). Ma come si riconosce un pollo alimentato, allevato e lavorato in Italia? A quanti gradi deve essere cotto per eliminare eventuali batteri? E quali sono le regole di igiene da rispettare? In occasione della Giornata Europea dei Consumatori, UnaItalia, l’Unione Nazionale Filiere Agroalimentari Carni e Uova, e Giorgio Donegani, tecnologo alimentare consigliere della Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare, hanno lanciato il vademecum per gli amanti del pollo: cinque regole d’oro per riconoscere un pollo 100% made in Italy. Grazie ad una filiera tutta italiana nelle fasi di produzione (allevamento, trasformazione e logistica), il pollo è un alimento in grado di arrivare in 24 ore in tavola sempre fresco, ma anche il consumatore deve fare la sua parte per consumarlo in sicurezza (fonte: EFA News, European Food Agency; photo © Aaron Amat – stock.adobe.com).

Le 5 regole d’oro per gli amanti del pollo

  1. saper leggere l’etichetta per conoscere l’origine (importante per 9 Italiani su 10 secondo le ultime indagini Ismea), ma anche il tipo di allevamento e trasformazione;
  2. fare attenzione alla pelle e alla carne del pollo, che deve apparire sempre rosa, lucida e umida;
  3. scegliere borsa termica e ripiano basso del frigo;
  4. non lavare mai il pollo ma le mani;
  5. cuocere il pollo a 75° (armarsi di termometro!) per gustarlo appieno e in sicurezza.

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.