Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 3, 2019

Rubrica: Fiere
(Articolo di pagina 104)

IFFA 2019: focus sul packaging

In occasione della prossima edizione della fiera di riferimento per l’industria della carne, a Francoforte dal 4 al 9 maggio, le aziende del settore packaging presentano le ultime tecnologie e informano sulle principali tendenze del settore

Il confezionamento degli ali­menti, in particolare di quelli facilmente deperibili come carne e insaccati, prevede standard molto elevati a livello di materiali per imballaggio, così come di macchine e impianti per il confezionamento. Oltre agli obblighi tradizionali come protezione, trasporto, stoccaggio, gestione e informazione, l’attenzione si concentra soprattutto sulla sicurezza degli alimenti, l’igiene, la riduzione dei rifiuti, la sostenibilità, l’efficienza delle risorse e la tracciabilità.

“Less is more” e ama l’ambiente
La riduzione degli imballaggi e l’utilizzo di confezioni riciclabili sono due temi su cui si concentra l’attenzione di consumatori, produttori e industria del confezionamento da quando la strategia della UE sulla plastica è stata pubblicata nel gennaio 2018 e la legge sugli imballaggi è entrata in vigore in Germania nel gennaio 2019. Gli imballaggi leggeri, con prestazioni identiche o addirittura superiori e una maggiore robustezza rispetto a quelli più pesanti, offrono un contributo essenziale per una maggiore sostenibilità e la conservazione delle risorse. Ridurre il peso significa risparmiare sulle materie prime, sui costi energetici e di trasporto, così come una gestione ottimizzata. Ciò che conta per un packaging sostenibile non è solo il tipo di pellicola utilizzata, ma anche la sua lavorazione. Le moderne confezionatrici consentono di impostare con precisione i parametri delle pellicole per una lavorazione più economica. I sistemi di alimentazione delle pellicole, a loro volta, riducono gli scarti sotto forma di bordi e griglie perforate. Pertanto da un nastro pellicola è possibile produrre un numero significativamente maggiore di imballaggi.

Skin-Pack: confezionamento sostenibile e accattivante
L’innovativo confezionamento in skin-pack, che utilizza il cartone come supporto per il prodotto, consente di presentare il prodotto in modo elegante, allungare i tempi di conservazione e ridurre il consumo di materiale. Realizzato in cartone sottile, il supporto presenta uno strato protettivo in polimero che funge da barriera contro il grasso, l’umidità e l’ossigeno e conferisce ulteriore stabilità al supporto in cartone. Nell’imballaggio skin-pack la pellicola aderisce al prodotto e alla base come una seconda pelle, fissando il prodotto al supporto e proteggendolo in modo affidabile. Questo sistema di confezionamento consente di ridurre il consumo di pellicola fino al 75%. Il rivestimento plastico del cartone si stacca facilmente ed entrambi i materiali sono facilmente riciclabili. Grazie alla grande libertà in termini di design e di stampa, il supporto in cartone riceve molta attenzione all’interno del punto vendita relativamente alla differenziazione del marchio. Le informazioni sul prodotto vengono stampate sul supporto in cartone evitando l’applicazione di etichette aggiuntive e consentendo così di risparmiare altro materiale.

Il confezionamento in atmosfera modificata prolunga la shelf-life
Il confezionamento in atmosfera modificata di carne e insaccati (modified atmosphere packaging = MAP) si sta affermando sempre più come standard. In questi imballaggi l’aria viene sostituita da una miscela di gas adatta al prodotto, che può rallentare nettamente il processo di decomposizione ossidativa o la proliferazione di microbi e muffe. Il gas inerte è in grado anche di ridurre la traspirabilità dei prodotti, consentendo di mantenere molto più a lungo freschezza, sapore e l’appetibilità degli alimenti. La conservabilità degli insaccati aumenta da due a quattro giorni se confezionati in presenza di aria, da due a cinque settimane in atmosfera modificata. Nel confezionamento in atmosfera modificata si utilizzano pellicole di barriera che sono stagne al gas e sono adatte al prodotto scelto.

Smart packaging
Il packaging multifunzionale, attivo e intelligente, apre prospettive completamente nuove al settore della carne, in quanto monitora e registra l’impatto ambientale a cui sono sottoposti gli alimenti lungo la catena del valore dopo il confezionamento. Gli indicatori tempo-temperatura integrati forniscono informazioni sullo stato attuale della qualità del prodotto, sul grado di freschezza, su eventuali interruzioni nella catena del freddo, e indicano se il prodotto è ancora idoneo al consumo. L’imballaggio interviene “attivamente” nel processo fisico, biologico e chimico del prodotto; regola l’umidità all’interno della confezione, assorbe l’ossigeno o l’anidride carbonica e prolunga così la durata di conservazione dei prodotti. Come variante biochimicamente attiva, questo imballaggio contrasta la proliferazione di germi microbici. Altri smart packaging proteggono la merce da manipolazioni e rendono più difficile il taccheggio.

Differenziazione del marchio nel punto vendita
Il packaging informa sugli ingredienti, sui marchi ambientali e di qualità e sulla provenienza e, come ambasciatore del marchio, dà un volto al prodotto e incentiva l’acquisto. L’aspetto e il contenuto informativo del packaging svolgono un ruolo importante sulle decisioni del consumatore al punto vendita. Quando in termini di qualità i prodotti si differenziano di pochissimo, spesso è il design più elegante a fare la differenza a livello emozionale. Investire in packaging innovativi e di alta qualità rafforza l’immagine del marchio e ripaga rapidamente nel caso degli articoli di marca.

A IFFA tutte le soluzioni di packaging ottimali
I visitatori di IFFA potranno scoprire tutte le più moderne tecnologie di confezionamento per la carne e gli insaccati, così come per il pollame e il pesce, su entrambi i piani del padiglione 11. L’integrazione del nuovo padiglione 12 consentirà alla fiera di crescere ulteriormente.

www.iffa.com
www.iffa.com/facebook
www.iffa.com/twitter
www.iffa.com/youtube

 

Didascalia: IFFA 2019 prende il via sotto i migliori auspici: oltre 1.000 espositori provenienti da circa 50 Paesi si sono iscritti all’evento di riferimento del settore. La manifestazione occuperà uno spazio espositivo di 120.000 m2 lordi, pari ad un incremento dell’8% rispetto alla passata edizione (photo © Messe Frankfurt / Pietro Sutera – www.ref-sz.ch).

 

Altre notizie

 

TREIF a iMeat (Modena, 24/26 marzo) padiglione A – Stand B35, presenta la cubettatrice compatta FELIX e la taglia-porzioni e affettatrice PUMA

TREIF fornitore leader nelle soluzioni di taglio per l’industria alimentare (carni, salumi, formaggi, carni ittiche e prodotti elaborati), opera in Italia mediante la filiale italiana a Bologna e si occupa di vendita, assistenza e ricambi per tutte la gamma di attrezzature TREIF che comprende cotolettatrici, affettatrici, taglia-porzioni e cubettatrici per taglio a sagoma come cubetti, fiammiferi, scaglie, julienne, rapé. Nello show-room presso la sede di Bologna sono disponibili svariati modelli e accessori per test personalizzati. Le attrezzature TREIF rispondono a svariate esigenze di taglio, possono essere utilizzate sia per elevate produttività che in piccoli laboratori artigianali o negozi, grazie al design robusto e compatto possono adattarsi a qualsiasi ambiente. Dal 24 al 26 marzo prossimi, durante la fiera iMeat a Modena, evento dedicato al settore della lavorazione delle carni e macellerie, TREIF presenterà la cubettatrice FELIX e la taglia-porzioni PUMA:

  • FELIX: cubettatrice piccola e compatta. Taglia i prodotti attraverso una combinazione di griglie, oppure tramite dischi a lame o fori. In tutte le applicazioni lo scorrimento delle lame garantisce un’elevata qualità di taglio anche sui prodotti più delicati. La semplicità di utilizzo e l’ingombro ridotto al minimo la rendono ideale nei piccoli ambienti. La gamma di accessori consente taglio a cubetti per spezzatino o spiedini, fiammiferi, francobolli, straccetti o sfilacci, e altro ancora;
  • PUMA: taglia-porzioni ma all’occorrenza anche affettatrice. Equipaggiando la macchina con gli accessori adatti, consente il taglio di carni fresche con e senz’osso e anche di prodotti più delicati come salumi, carni stagionate, o porchetta. L’innovativo pannello di controllo permette di regolare il le impostazioni di taglio, lo spessore delle fette e anche il numero di fette nel caso in cui si vogliano preparare delle porzioni distanziate.

TREIF vi aspetta a Modena a iMeat, dal 24 al 26 marzo, al padiglione A – Stand B35

>> Link: www.treif.com/it

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.