Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 3, 2019

Rubrica: La carne in rete
Articolo di Benedetti E.
(Articolo di pagina 38)

Social meat

1. Meat In su Instagram 2. La sensibilitĂ  di Roberto Liberati 3. Baker & Roberts Craft Butchers 4. Le Lady Butchers di Saucisson


1. Meat In su Instagram

Redazioni di riviste carnivore in contatto per contaminazione di idee ed esperienze? Con i social è facile. Vi indichiamo Meat In su Instagram (instagram.com/meat_in), realizzata dall’omonima rivista tedesca.


2. La sensibilità di Roberto Liberati

Parlare di carne e di agricoltura responsabile, visioni e filosofia di un mestiere antico, razze e uso dell’animale intero e dei tagli minori, tradizione e ricerca lungo tutta la filiera. Vi consigliamo un post (goo.gl/HrPzSQ) di Radio Food Live (radio-food-live.com) da ascoltare tutto d’un fiato, nel quale Andrea Febo intervista Roberto Liberati e, in collegamento, Andrea Cippitelli di Fattoria Faraoni (Sutri, VT), il critico gastronomico Valerio Massimo Visentin da Milano e Dario Cecchini dalla sua Antica Macelleria Cecchini di Panzano in Chianti, Firenze.


3. Baker & Roberts Craft Butchers

Baker & Roberts Craft Butchers (bakerandroberts.com) è un bell’esempio di business di successo nel canale tradizionale della macelleria, che ha saputo sfruttare in particolare le leve del web e dei social network. Dalla loro bottega a Manley, Cheshire (UK), Jamie Baker e Mark Roberts utilizzano soprattutto Facebook e Instagram per promuovere le loro carni, con un servizio di e-commerce, consegne a domicilio e una confezione di carne con tagli, salsicce e macinato che la clientela può consumare nel corso della settimana.


4. Le Lady Butchers di Saucisson

Avete un’idea di business e siete alla ricerca di un finanziamento collettivo? Potete fare come Penny Barend e Melissa Khoury, che hanno utilizzato Kickstarter (kickstarter.com), la piattaforma di crowdfunding che con video e testi racconta progetti in corso da supportare economicamente (goo.gl/r1JGpH). Queste due Lady Butchers lavorano carni locali, prive di nitriti e conservanti, e hanno raccolto più di 30.000 dollari grazie al sostegno di finanziatori on-line.

 

Altre notizie

Carne bovina, ambiente e salute: la campagna Assocarni e MIPAAFT prosegue sul web. Sul sito, realizzato da Creare Valore, ci sono tutte
le informazioni e i dati scientifici alla base dei contenuti degli spot

“La Stellina della carne bovina” è il filo conduttore della campagna di informazione lanciata da Assocarni sul consumo consapevole della carne bovina italiana, dei suoi valori nutrizionali, sociali e ambientali. La campagna, cofinanziata dal Mipaaft con bando pubblico per la selezione di programmi di informazione e promozione sui prodotti freschi e trasformati delle filiere carni, è andata in onda sulle reti Rai (radio, tv, cinema e web) col formato di “Lezioni di etichetta” e ora prosegue sul web con il sito www.lastellinadellacarnebovina.it. I contenuti del sito, accessibile anche dal sito istituzionale www.assocarni.it, approfondiscono i temi dei messaggi della campagna arricchiti dalle informazioni che non è stato possibile veicolare con gli spot, in particolare i dati su Clessidra Ambientale, sugli impatti della CO2, sull’impronta idrica, sugli aspetti nutrizionali e sulla salute. Il tutto seguendo il filo conduttore dei “principali volti della sostenibilità della carne bovina italiana” che costituiscono l’ossatura della campagna e che costituiscono altrettanti capitoli della parte web:

  1. Nutrizione;
  2. Sicurezza;
  3. Ambiente,
  4. No spreco;
  5. Economia.

Sul sito sono disponibili anche tutti gli spot della campagna realizzata da Rai Pubblicità, compresi quelli realizzati per la prima volta in Italia nella forma di “Pubblicità Accessibile e Inclusiva”, pensata per essere fruibile da tutte le persone, incluse sorde e cieche, con sottotitoli, Lingua Italiana dei Segni (LIS) e contributi audio dedicati. «La carne bovina — spiega François Tomei, direttore generale Assocarni — è spesso al centro di un dibattito pubblico distorto da mezze verità o da vere e proprie fake news, che circolano soprattutto sul web. Per questo riteniamo molto importante questa parte della campagna informativa sulla carne bovina sviluppata sul web, con informazioni importanti e approfondimenti scientifici che sarebbe stato impossibile inserire negli spot. Lo scopo della nostra proposta è quello di rendere i consumatori consapevoli dell'importanza della carne bovina italiana in una dieta equilibrata, all’interno del modello della Dieta Mediterranea che, è bene ricordarlo, prevede anche un apporto di proteine di origine animale».

>> Link: www.lastellinadellacarnebovina.it

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.