Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 10, 2019

Rubrica: Tecnologie
(Articolo di pagina 152)

Monofilm flessibile a base PE, per una riciclabilità totale

Da ITP – Industria Termoplastica Pavese Spa — Dall’estrusione del film al suo utilizzo sull’impianto di confezionamento, come busta o top vaschetta, senza passare per la laminazione

Per rispondere alle richieste dell’Unione Europea confluite nell’European Strategy For Plastics In A Circular Economy, ITP ha messo in campo le sue migliori risorse in termini sia di capitale umano che di tecnologia. Già da anni la politica dell’azienda di Bosnasco (PV) è quella della riduzione degli spessori e della semplificazione delle strutture proposte ai propri clienti, affinché questi possano realizzare packaging sempre meno impattanti non solo sull’ambiente ma anche sul consumatore, al quale vengono oggi richiesti un impegno e uno sforzo importanti nello smaltimento dei propri rifiuti domestici. Differenziare significa rispettare l’ambiente.

Monomateriale per surgelati e per stand up pouches
Il nuovo film messo a punto da ITP è un unico PE, quindi monofilm oltre che monomateriale, con caratteristiche differenti nelle sue superfici esterna e interna. Perché se gli sforzi maggiori delle aziende di packaging si concentrano sul problema dell’inquinamento dei mari per contribuire a ridurlo, non si possono tralasciare le funzioni principali dell’imballo, specie per i prodotti alimentari freschi: di conservazione dell’alimento il più a lungo possibile per evitare lo spreco di cibo — il quale è ormai risaputo causare, oltre al problema etico, eccessive ed inutili emissioni di CO2 nell’aria — e di protezione della salute del consumatore. Tutto questo viene garantito nonostante l’eliminazione della fase di accoppiamento e, anzi, senza l’utilizzo di colle e adesivi, viene azzerato il rischio di formazione di ammine aromatiche, dannose per la salute e per l’ambiente.  In un unico PE, ITP ha concentrato un’elevata resistenza termica con le caratteristiche tipiche dei film bi-orientati nella sua parte esterna, e una bassa sealing initiation temperature (SIT) nel lato interno, in modo che la saldatura del film sulle macchine confezionatrici avvenga a bassa temperatura. Monoflex può quindi essere utilizzato direttamente sull’impianto di confezionamento senza necessità di accoppiamento a supporti biorientati (quali boPET, boPP, oPA,…), il che lo rende totalmente riciclabile. I nostri clienti hanno già effettuato prove industriali con successo, sperimentando come il film sia facilmente macchinabile su linee di confezionamento tradizionali, adattandosi perfettamente ai difetti di saldatura, e senza che i normali ritmi produttivi siano minimamente penalizzati.

Destinazione d’uso
ITP è in grado di realizzare monofilm a partire da spessori indicativamente di 50 µm (per buste e piccole confezioni) fino a spessori molto elevati, indicativamente 160-180 µm (per realizzare stand up pouches o bustoni di grandi dimensioni). In questi casi viene richiesta la barriera con contenuto di EVOH <5%, comunemente ritenuto riciclabile. Infine, il film è utilizzabile anche come top di chiusura di vaschette. Quando la destinazione d’uso di questi monofilm sono i prodotti surgelati, non è richiesta alcuna funzione barriera. Qualunque tecnologia di stampa può conferire attrattività al monofilm in PE sugli scaffali dei supermercati. Si tratta di una stampa esterna che, a richiesta, viene protetta da una vernice resistente ai graffi e che dona alla stampa una particolare lucentezza.

Un passo avanti per la sostenibilità ambientale e il servizio al cliente

ITP ha chiuso il 2018 dotandosi, a fronte di un importante investimento, di un magazzino completamente automatizzato. Nei suoi 22 metri di altezza, pari a 12 piani, può contenere oltre 5.400 pallet, con una dimensione massima del carico trasportabile di 1.200x1.600 mm e un peso fino a 1.000 kg per pallet. Funzionante 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, è stato ideato per eliminare totalmente il rischio di incendi. All’interno dell’ambiente, infatti, la presenza prevista di ossigeno è pari al 15,2% prevenendo, impedendolo, lo sviluppo di una combustione. Dopo oltre 8 mesi di lavori, ad aprile 2019 il nuovo magazzino automatico ha cominciato ad essere alimentato. Completamente automatizzato e inserito in un sistema di dialogo continuo con Sap, consente lo stoccaggio, il recupero e il trasferimento di bobine in corretta sequenza. La movimentazione è affidata ad un trasloelevatore con 2 navette che operano in contemporanea all’interno dei canali. Il tempo medio per compiere una missione è di 55 secondi, mentre il tempo di attraversamento di un pallet dura circa 48 secondi (è possibile vedere il viaggio di una delle navette sul canale Youtube di ITP Spa). La razionalizzazione delle missioni e la nuova organizzazione dei trasporti hanno consentito di ridurre gli spostamenti inutili, ottimizzare sia i tempi di carico dei mezzi che le movimentazioni interne favorendo una razionalizzazione degli spazi e riducendo il numero dei carrelli elevatori in movimento nel reparto logistica. In questi spazi e con queste tempistiche ITP ha notevolmente ridotto i tempi di consegna al cliente, integrando anche un servizio di stoccaggio che prima sarebbe stato impensabile.

>> Link: www.itp.company

 

Didascalia: il nuovo film prodotto da ITP è un unico PE, che riunisce le caratteristiche tipiche dei film bi-orientati nella sua parte esterna e una bassa sealing initiation temperature (SIT) nel lato interno.

 

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.