Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 12, 2018

Rubrica: Tecnologie
(Articolo di pagina 122)

L’etichetta è il DNA di qualsiasi prodotto

Organizzazione ottimale dei processi di etichettatura grazie al gestionale giusto

Ogni giorno milioni di consumatori acquistano generi alimentari e altri prodotti. La loro principale fonte di informazioni è l’etichetta, sulla quale trovano:

  • informazioni sulla provenienza,
  • valori nutrizionali,
  • allergeni,
  • data di scadenza,
  • peso e prezzo,

così come altre informazioni utili ma non obbligatorie. Questi dati forniscono al consumatore l’orientamento necessario per scegliere i prodotti giusti da posizionare nel carrello. Oltre a una buona leggibilità, è necessario che gli ingredienti del prodotto siano menzionati correttamente se si vuole poi promuoverne, eventualmente, il carattere salutistico. Al produttore di alimenti è ben chiaro che anche piccole modifiche alle ricette comportano nuova etichettatura dei prodotti.

 

L’etichettatura non è un compito banale ed ogni errore ha il suo costo
Le etichette, però, sono una possibile fonte di errore. Lingue e normative internazionali diverse portano rapidamente a oltre 2.000 varianti di etichette per soli 100 prodotti. Sempre più spesso vengono ritirati prodotti dal mercato, che in realtà sono perfetti e il cui unico problema è l’etichetta: a volte manca il prezzo, altre volte gli ingredienti non sono adeguatamente dichiarati o i pesi non corretti. Secondo l’americana FDA (Food and Drug Administration) gli errori di etichettatura sono tra le ragioni più comuni di richiamo dei prodotti dal mercato e ciò può avere ripercussioni molto negative oltre che costi elevati. Gli errori in etichetta gravano pesantemente, persino in presenza di prodotti che non hanno ancora lasciato lo stabilimento di produzione; basti pensare ai costi necessari per la rielaborazione: disimballare, eseguire un nuovo controllo qualità, imballare nuovamente, documentare. Il tutto possibilmente senza compromettere la routine lavorativa; cosa davvero improbabile, visto il grande sforzo, spesso manuale, che una rielaborazione comporta.

 

La tecnologia è importante
Le cause di errori in etichetta possono essere molte: a volte i dipendenti non hanno prestato sufficiente attenzione oppure la gestione dei dati ha funzionato solo in modo limitato. Gli standard legali, i regolamenti e le linee guida, inoltre, stanno diventando sempre più numerosi e quindi più difficili da gestire. Basti pensare ad esempio all’International Food Standard (IFS), il regolamento UE sull’etichettatura delle carni bovine o la regolamentazione delle informazioni sugli alimenti. I rischi, però, possono essere minimizzati grazie a tecnologie moderne e processi trasparenti. Soprattutto la buona gestione dei dati ha un impatto diretto sulla qualità dei prodotti e sulla loro etichettatura. In altre parole, l’utilizzo del giusto software gestionale può aiutare il produttore di alimenti a proteggersi dagli errori in etichetta.

 

Gestione dei dati efficiente con il CSB-System
Rintracciabilità e garanzia di provenienza sono da anni competenze centrali del CSB-System, software gestionale completo ed integrato fornito dall’omonima azienda veronese, che da oltre 35 anni fornisce soluzioni specifiche per le industrie alimentari. Il CSB-System offre tutti gli strumenti necessari per ottemperare facilmente e con sicurezza a leggi, direttive e norme UE. Il CSB-Traceability consente di gestire, documentare e controllare il flusso dei prodotti in modo preciso fino al lotto, lungo l’intera catena logistica: dagli acquisti delle materie prime, per tutti i livelli di lavorazione e gestione qualità, fino all’etichettatura completa di ogni prodotto. Tramite il modulo di Gestione Valori Nutrizionali del CSB-System poi è possibile calcolare, indicare in etichetta e gestire tutti gli ingredienti, i valori nutrizionali, gli allergeni e gli organismi geneticamente modificati (Ogm) presenti in un prodotto, in modo trasparente ed efficiente secondo la legislazione vigente. I contenuti dell’etichetta possono essere generati in più lingue; per ogni prodotto e lingua si possono rappresentare contemporaneamente fino a sei differenti unità.

 

Maggiore sicurezza con il CSB-Vision
La riduzione degli sprechi riduce anche le spese per materiali di consumo come pellicole, vaschette, etichette e inchiostro. Per una totale sicurezza è possibile installare anche sistemi di controllo ottico. Il CSB-Vision rileva in modo affidabile i difetti sulla confezione e garantisce quindi che nessun prodotto con dichiarazioni erronee lasci lo stabilimento. Tuttavia è importante, in questo contesto, che tutte le informazioni rilevanti siano trasmesse in modo sicuro sin dalla primissima fase a monte dell’intera filiera, servendosi, solitamente, di tecnologie di etichettatura, come codici a barre mono- o bidimensionali, RFID o stampa a getto d’inchiostro. A tale proposito sono elencati qui alcuni esempi:

  • numero dell’unità di spedizione SSCC;
  • Global Location Number (GLN);
  • Global Trade Item Number (GTIN);
  • Codice a barre GS1 128;
  • Electronic Product Code (EPC);
  • GS DataBar Reduce Space Symbology;
  • GS1 XML/EANCOM;
  • fTRACE, mynetfair, ATC;
  • Cassa GRAI (Global Returnable Asset Identifier).

Per concludere, il CSB-System rappresenta la soluzione intelligente per tutte quelle aziende del settore alimentare che, indipendentemente dalle loro dimensioni, abbiano la necessità di organizzare in modo ottimale i processi di etichettatura. La capacità di soddisfare con successo le richieste del mercato e adeguarsi rapidamente agli obblighi legislativi in continuo cambiamento è fattore determinante per operare sul mercato e mantenere una buona posizione competitiva.

Referente:
Dott. A. Muehlberger

CSB-System Srl
Via del Commercio 3-5 — 37012 Bussolengo (Verona)
Telefono: 045 8905593 — Fax: 045 8905586

E-mail: info.it@csb.com
Web: www.csb.com

Photogallery

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.