Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2018

Rubrica: Macellerie d'Italia
Articolo di Benedetti E.
(Articolo di pagina 100)

Il nuovo corso della Macelleria Petrucci

Ad un anno dal sisma, la bottega delle carni della famiglia Petrucci ha riaperto i battenti

Era l’ottobre del 2016 quando un terremoto di magnitudo 6,5 scosse la terra tra le Marche e l’Umbria distruggendo case, attività commerciali e scuole. Un evento sismico che colpì duramente anche l’antico borgo di Arquata del Tronto, nella provincia di Ascoli Piceno. Posto proprio al confine tra Marche, Abruzzo e Lazio, questo piccolo comune sui monti Sibillini fu gravemente danneggiato con il crollo della chiesa parrocchiale e delle case del centro storico. Tra gli edifici colpiti c’era anche la Macelleria Petrucci, una bella bottega aperta e sviluppata parecchi anni prima dal suo fondatore, Enzo Petrucci, e poi gestita dai due figli Alessandro ed Emanuele.

Dopo tanto lavoro e molti mesi di difficoltà, la famiglia Petrucci ha completato i lavori per delocalizzare la macelleria sempre nel comune attraverso la realizzazione di una struttura di legno lamellare all’interno della quale è stato allestito il nuovo negozio. Lo scorso 30 ottobre, giorno dell’inaugurazione, c’era una lunghissima fila di clienti che ha letteralmente assediato la macelleria. È stata una grande festa, resa ancor più speciale dalla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. «Dobbiamo ripartire da qui e dare un futuro al nostro territorio» hanno detto Alessandro ed Emanuele Petrucci ai giornalisti dell’Ansa. Dopo il conseguimento delle loro lauree, rispettivamente in Storia e in Economia, i due giovani non se l’erano sentita di abbandonare tutto ciò che la famiglia aveva costruito ed erano tornati alle loro radici, rilevando e ampliando il l’attività del padre. Un lavoro che ha alla base la selezione rigorosa degli animali provenienti solo da piccoli allevatori delle zone montane limitrofe al comune di Arquata del Tronto. Vitelle, vitelloni, vacche, manzi, pecore, agnelli, abbacchi e maiali, nutriti esclusivamente con alimenti naturali.

Oggi Alessandro ed Emanuele Petrucci continuano l’arte della lavorazione delle carni, tra gli agnelli, la cui vendita non è limitata al periodo natalizio o pasquale ma frequente in tutto l’anno, le pecore, i manzi e le carni di maiale, trasformate in insaccati e salumi.

Un nuovo corso, quello dei Petrucci, che testimonia ancora una volta la caparbietà dei maestri macellai di questo Paese, che alle difficoltà e alle avversità rispondono col lavoro e l’ostinazione a fare le cose fatte bene.

Elena Benedetti

 

Macelleria Petrucci Enzo Carni

Via Salaria 8b – Fraz. Trisungo

63096 Arquata del Tronto (AP)

Telefono: 0736 809851

Web: www.macelleriapetrucci.it

www.facebook.com/Petrucci-Enzo-Carni-109942610711

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.