Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Fiere
Articolo di Borghi G.
(Articolo di pagina 116)

Appuntamento a Parigi con i saloni della filiera agroalimentare

I rappresentanti dei saloni francesi SIMA, SIA, Europain, IPA, Emballage, SIAL, Natexpo e Equip’Hotel si sono presentati alla stampa e agli operatori italiani all’hotel Le Meridien Gallia di Milano.

Parigi val bene un salone, anzi molti di più! Per dimostrarlo, l’Agenzia regionale per lo sviluppo economico di Parigi Ile-de-France (ARD) ha organizzato, il 4 novembre scorso a Milano, presso il bellissimo hotel Le Meridien Gallia, una conferenza stampa di presentazione degli eventi fieristici professionali della filiera agroalimentare della regione parigina. L’offerta della regione (centro economico di primaria importanza, con un PIL simile a quello di Taiwan) in questo settore è unica al mondo: 14 saloni professionali leader e di riferimento che coprono tutti i segmenti del mercato dell’agroalimentare e contribuiscono al dinamismo e allo sviluppo di questo settore. Per conoscerli più da vicino i rappresentanti di otto di questi saloni — SIMA, SIA, Europain, IPA, Emballage, SIAL, Natexpo e Equip’Hotel — sono venuti ad incontrare la stampa e gli operatori italiani. Jean-Luc Margot-Duclot, direttore degli incontri e degli eventi professionali dell’Agenzia per lo Sviluppo di Parigi Ile-de-France, ha messo in luce i punti di forza di Parigi e della sua regione riguardo l’organizzazione dei saloni professionali internazionali ed in particolar modo nel settore agroalimentare. «L’industria fieristica della regione parigina — ha dichiarato Duclot — sembra aver ben resistito alla crisi. Il numero degli espositori è rimasto stabile, la qualità dei visitatori è migliorata e il numero delle imprese che visitano le fiere non è calato. Lo strumento salone si conferma molto performante dal punto di vista delle imprese, se non addirittura l’unico fruttuoso in tempi di crisi». La regione e Viparis — principale operatore dei quartieri espositivi della zona — continuano ad investire per aumentare e migliorare i 600.000 m² espositivi. Nel 2010 sarà inaugurato presso il quartiere espositivo di Paris Nord Villepinte un nuovo padiglione di 36.000 m². Gli investimenti effettuati raggiungeranno i 90 miliardi di euro per il 2009 e 2010. Infine, la regione, Viparis e gli Aeroporti di Parigi (ADP) si stanno attivando per migliorare i servizi di accoglienza rivolti ai visitatori e agli espositori. All’inizio del 2009, ad esempio, è stato introdotto il welcome pack, un dispositivo completo di informazioni, orientamento e di trasporto dei congressisti, espositori e visitatori delle manifestazioni internazionali della regione.

L’Italia è un partner privilegiato dei saloni della regione parigina: è infatti il secondo Paese in termini di visitatori internazionali (con 54.827 presenze nel 2007) ed il primo Paese in termini di espositori internazionali (4.012 espositori). Per ciò che concerne i rappresentanti dei saloni agroalimentari presenti a Milano, dopo una breve descrizione dei rispettivi eventi fieristici, essi hanno annunciato i differenti leitmotiv delle sessioni 2010-2011:

  • SIMA: produrre di più e meglio, tecnologie d’avanguardia per un’agricoltura sostenibile;
  • Salon International de l’Agriculture: genetica e prodotti agricoli del territorio in primo piano;
  • IPA e SIAL: una nuova sinergia, dal process alimentare al prodotto finito;
  • Emballage: pack smart! Ovvero il packaging intelligente;
  • Europain: la valorizzazione della professione del panificatore/pasticcere;
  • Natexpo: festeggiamo il matrimonio tra il bio francese e quello italiano brindando con Champagne rigorosamente bio!;
  • Equip’Hotel: ospitalità e ristorazione festeggiano 50 anni a Parigi.

Non resta davvero che organizzarsi partire!

Gaia Borghi

>> Link: www.promosalons.com, www.salonifrancesi.com. www.parisregion-tradeshows.com

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.