Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 65)

Slaughtering Srl per la ricostruzione in Iraq

L’azienda modenese ha ottenuto una commessa da 500 mila euro per la ristrutturazione del macello di Nassiriya. Innovativo l’impianto per il trattamento del sangue

Sarà l’azienda modenese Slaughtering Srl a ricostruire il macello di Nassiriya, destinato a ovini e bovini. L’incarico è stato commissionato dall’Usace di Baghdad, l’agenzia dell’esercito americano (US Army Corps of Engineers) che seleziona, finanzia e organizza gli oltre 2.000 progetti di ricostruzione in Iraq. Al momento la commessa è in piena fase di produzione e realizzazione. «Le autorità americane — ha dichiarato Stefano Traversi, vicepresidente di Slaughtering Srl, l’azienda specializzata nel settore della progettazione e costruzione di impianti di macellazione — hanno approvato tutti i lay-out e le specifiche tecniche degli impianti. Oggi sappiamo che le prime spedizioni partiranno a fine giugno. In totale saranno circa dieci i container che dovranno raggiungere Nassiriya. Lavoreremo a stretto contatto con un’impresa di Amman a cui è stato affidata la cura dell’impiantistica civile dell’edificio. I privati porteranno i propri capi a macellare. In questo modo si eviterà che lo facciano dove capita. La ricostruzione di questa struttura, peraltro non semplice se si considera che lo stabile è vecchio di 60 anni, è solo il primo passo di un progetto più ampio. Nell’ambito della lavorazione e conservazione della carne gli sviluppi, infatti, non mancheranno».


Slaughtering Srl è stata costituita nel 1992 per soddisfare la crescente richiesta di medi e grandi stabilimenti di macellazione e lavorazione carni in merito alla progettazione, l’ammodernamento e la manutenzione dei propri impianti produttivi. Con sede a Modena, l’azienda è oggi in grado di supportare il cliente in tutte le scelte strategiche che riguardano le problematiche della trasformazione carni, ed ha maturato l’esperienza tecnica nella progettazione, costruzione ed installazione d’impianti di macellazione e lavorazione carni.

E proprio per definire gli ultimi dettagli dell’opera in corso, Slaughtering ha invitato a Modena la controparte irachena, ovvero Basil Al Ateia, costruttore di Baghdad vincitore della gara d’appalto e a cui spetta l’arduo compito di rimettere in sesto le mura antidiluviane. Lo scorso novembre Pietro Ferrari e Giovanni Messori, rispettivamente il presidente e il direttore di Confindustria Modena, nel corso della visita in città da parte di Al Ateia e di una delegazione irachena dell’Usace, composta da Kadhim Abd Ali, Adel Al-Rashid e Ali Al-Dujaili, hanno dichiarato soddisfatti che «tutto si può dire tranne che la crisi abbia fiaccato la resistenza e la volontà di progredire delle nostre aziende. Slaughtering è un esempio virtuoso di piccola o media impresa che ha trovato all’estero nuovi mercati di sbocco». La ristrutturazione del macello di Nassiriya è il terzo in ordine di priorità sui progetti che l’azienda modenese ha attivato nel Paese.

La costruzione dell’impianto costerà mezzo milione di euro. Nei macchinari che andranno a far parte dell’impianto è inclusa anche una macchina in grado di coagulare e sterilizzare il sangue animale, mediante l’utilizzo di vapore saturo iniettato, e successivamente di separarne meccanicamente le molecole in una parte liquida (che viene convogliata al depuratore) ed in una parte solida completamente sterile, che si presenta sotto forma di farina ed è utilizzabile come fertilizzante in agricoltura. «Questa macchina, molto quotata anche in Italia — ha precisato Traversi — è indicata per i benefici che porta all’ambiente in termini di smaltimento degli scarti di macellazione. Molto spesso il sangue, la cui carica batterica è molto elevata, viene scaricato direttamente nel terreno o nei fiumi, con conseguente rischio di inquinamento delle falde». Slaughtering Srl è un’azienda di riferimento nel comparto italiano della progettazione e realizzazione di impianti e linee di macellazione.

Con questa commessa la società modenese si pone ai vertici internazionali e conferma ancora una volta il forte riscontro commerciale di una politica di investimenti nel campo dell’innovazione tecnologica. Le previsioni di export per il 2010 sono destinate ad aumentare del 25%. Questo trend di crescita è iniziato nel 2003, con la realizzazione di un impianto di macellazione degli ovini costruito in Somalia. Oggi Slaughtering Srl opera attivamente anche in USA, Regno Unito, Francia, Belgio, Germania, Romania, Russia, Repubbliche Baltiche, Senegal e Sudafrica.

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.