Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Fiere
(Articolo di pagina 120)

Anticipazioni su Alimentaria 2010

Lo scorso novembre a Barcellona è stata ufficialmente presentata l’edizione 2010 di Alimentaria, il XVIII° Salone internazionale dell’alimentazione e delle bevande. La stampa specializzata di tutto il mondo si è riunita nella capitale catalana

La Casa Llotja de Mar è uno splendido edificio di Barcellona costruito nel 1380. Un tempo luogo di incontro tra i tanti mercanti che transitavano per il porto e la città, in seguito divenne sede della Giunta del Commercio di Barcellona, l’istituzione che regolava l’attività commerciale. Il palazzo oggi ospita la Camera di Commercio, Industria e Navigazione della capitale catalana. Proprio in questa cornice votata da sempre agli affari e al commercio lo scorso 13 novembre ha avuto luogo la presentazione di Alimentaria 2010, un’edizione che assume una valenza speciale nell’attuale contesto economico e che si basa sui valori strategici dell’internazionalizzazione, dell’innovazione e della promozione dei marchi alimentari. Inoltre, la fiera potenzierà le sue attività più rappresentative tra le quali si distinguono il Forum Internazionale dell’alimentazione, Innoval, ovvero l’area di Alimentaria dedicata all’innovazione, il Congresso internazionale sulla dieta mediterranea, e il Congresso internazionale di gastronomia BCN Vanguardia. Così come il nuovo progetto Taste and Flavours of Spain, una proposta singolare perché il pubblico internazionale del salone possa godere della varietà gastronomica spagnola per mezzo dei suoi vini, dei salumi iberici e dell’olio.

Alimentaria, centro internazionale per gli affari e piattaforma per i marchi di fabbrica - Alimentaria, il Salone internazionale dell’alimentazione e delle bevande, si prepara ancora una volta a trasformare Barcellona nella capitale mondiale dell’alimentazione. Tra gli aspetti più innovativi di questa diciottesima edizione illustrati alla stampa estera dell’agroalimentare, è da segnalare senza dubbio lo svolgimento della manifestazione fieristica — dal 22 al 26 marzo 2010 — interamente all’interno di un unico parco espositivo, il Gran Vía della Fira de Barcelona, dove verranno concentrate tutte le offerte commerciali e le attività. «Abbiamo ascoltato e preso atto della manifesta richiesta degli espositori e dei visitatori, assumendo inoltre una prospettiva realista in linea con l’attuale congiuntura economica» ha dichiarato alla stampa internazionale J. Antonio Valls, direttore del salone nonché direttore generale aggiunto dell’organizzazione di Alimentaria Exhibitions. Questa nuova impostazione permetterà alle aziende di razionalizzare la loro presenza nel salone, con l’obiettivo di ottenere più valore aggiunto e un maggior ritorno sull’investimento. Secondo le previsioni dell’organizzazione, le aziende che occuperanno i circa 94.500 m² di esposizione — ai quali ci sarà da sommare la superficie destinata alle molteplici attività che rappresentano la parte ludica e formativa del salone — saranno circa 5.000.

Maggior proiezione all’estero - Alimentaria 2010 punta ad accrescere la propria presenza e importanza al di fuori dei confini spagnoli e per questo ha aumentato del 30% rispetto alla scorsa edizione il budget dedicato alla promozione internazionale. Elementi fondamentali della strategia volta all’ampliamento della rete di contatti e il volume di transazioni a livello mondiale sono i progetti internazionali del salone, destinati ad America Latina, Asia, Stati Uniti e Canada, Europa centrale e orientale. Tra le altre attività, durante Alimentaria si svilupperanno incontri di cooperazione, distribuzione, innovazione e tecnologia alimentare e seminari. I numeri avallano la proiezione del salone come importante centro internazionale di operazioni commerciali: più del 20% dei 158.000 visitatori del salone vengono dall’estero; una percentuale di internazionalizzazione che sale al 30% nel caso delle aziende espositrici, che sono più di 1.500. In totale, 15.000 dei 94.500 m² che occuperanno la superficie di esposizione netta di Alimentaria 2010 saranno riservati agli espositori esteri, un 2% in più rispetto alla scorsa edizione del 2008.

La festa dei marchi - Assieme all’internazionalizzazione, l’organizzazione del salone lavora soprattutto per potenziare altri valori strategici come l’innovazione e la settorializzazione — con la coesistenza dei suoi 15 saloni differenziati — sebbene il leitmotiv della prossima edizione sia la promozione dei marchi di fabbrica in un ambiente in cui essa si rende più necessaria che mai. Sono dotati di particolare forza quelli rivolti a promuovere la miglior gastronomia spagnola.

Un ampio programma di attività parallele all’esposizione - Il salone spagnolo presenta una ricca agenda di attività che include congressi, seminari, degustazioni, spazi all’avanguardia e missioni commerciali:

  • il Forum internazionale dell’alimentazione presenterà i risultati dell’indagine “Cosa si aspetta il consumatore dai marchi. Il ruolo del fabbricante come gestore del marchio” condotta da Synovate;
  • il Congresso internazionale sulla dieta mediterranea accoglierà un vasto programma di presentazioni e conferenze legate a questo modello nutrizionale di rinomanza internazionale;
  • BCNVanguardia, il Congresso internazionale di gastronomia riunisce a ogni sua edizione le grandi stelle del panorama culinario mondiale; Ferran Adrià, Carme Ruscalleda e Juan Mari Arzak sono assidui frequentatori delle sue cucine;
  • Taste and Flavours of Spain, una nuova proposta per far conoscere a livello internazionale la varietà gastronomica spagnola, grazie alle attività e agli esperti in materia. Si dividerà in tre spazi: Vinorum, dedicato agli amanti del vino, metterà a disposizione degustazioni guidate e relazioni magistrali; La España de los Ibéricos, mostra che diffonderà tutte le delizie derivate dal suino iberico attraverso diverse degustazioni e La España de los Aceites, con un centinaio di varietà oleicole spagnole;
  • III Concorso Cuoco dell’anno, una competizione di fama nazionale per le giovani promesse della cucina. Alimentaria 2010 accoglierà la gran finale del concorso, che si svolge in 7 semifinali nel corso di due anni e in tutto il territorio spagnolo. Il Concorso Cuoco dell’anno è il primo della sua categoria in Spagna ed è avallato dalla Word Association of Cooks Societies (WACS);
  • Spagna, il Paese dei 100 formaggi. Il settore spagnolo della caseificazione si distingue per il volume della produzione e per la varietà dei suoi prodotti. Questa attività offre un percorso visivo e gustativo attraverso tutta la geografia della caseificazione spagnola;
  • Fondazione Triptolemos, dall’ambito accademico e imprenditoriale, questa famosa istituzione si incaricherà di pubblicare un supporto che mostri la totalità dell’offerta spagnola nel campo della ricerca alimentare;
  • Giornate Interpesca, il programma delle attività del FROM (Fondo di Regolazione e Ordinamento del Mercato dei prodotti ittici e delle colture marine) avrà nuovamente come protagonista il meglio dei prodotti ittici;
  • Best Pack, saldo riconoscimento delle edizioni Ediciones y Estudios alle aziende che fanno della creatività nel campo del marketing dell’alimentazione e delle bevande il loro punto forte.
Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.