Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Fiere
(Articolo di pagina 108)

Cibus Tec, ha vinto il made in Italy

L’edizione 2009 ha presentato nuovi focus tematici puntando su una maggiore internazionalizzazione, favorendo l’arrivo di delegati, compratori e visitatori esteri, e con la Turchia Paese focus di questa edizione. Partnership con UCIMA

Ha 70 anni ma non li dimostra - C’è soddisfazione a Parma, soprattutto tra gli espositori, per la riuscita di questa ultima edizione della rassegna internazionale della meccanica applicata all’industria alimentare. A settant’anni esatti dalla prima fiera dedicata alle conserve alimentari ospitata a Parma (era il 1939), Cibus Tec 2009 ha raggiunto infatti le 25.000 presenze. Una soddisfazione decretata dalla forte vocazione internazionale del salone, con la Turchia paese focus con oltre 40 delegati ufficiali, e dall’allargamento della filiera con un’apertura al packaging. Negli stand i macchinari più innovativi utilizzati per il trattamento dei prodotti freschi pronti per il consumo, come il lavaggio, il taglio e il i confezionamento. In esposizione anche le tecnologie più avanzate per i prodotti trattati con il calore, quelli confezionati sottovuoto e in atmosfere controllate e modificate.

Focus su sicurezza e tracciabilità - La “tracciabilità” sta assumendo per le aziende sempre maggiore importanza, sia per le disposizioni di legge in vari settori — principalmente in quello agroalimentare ed in quello farmaceutico — sia per una maggiore consapevolezza e quindi esigenza da parte dei consumatori, sia per la ricerca di soluzioni al fine di conseguire una maggiore competitività e protezione del proprio brand. Il punto di partenza della tracciabilità è l’identificazione automatica dove, accanto alla consolidata tecnologia del barcode, ne stanno avanzando di nuove, come la RFID e la voce, che promettono di dare alla tracciabilità un significato nuovo. Per dare espressione a questa tecnologia che presto sarà imprescindibile anche in campo alimentare, Cibus Tec, grazie ad un accordo siglato tra Fiere di Parma e la rivista Data Collection dell’Editrice TeMi, ha ospitato in contemporanea la rassegna tematica Trace Id che, con la formula della mostra-convegno, ha presentato importanti novità, tra le quali la demo dinamica sulla tracciabilità in RFID realizzata dall’Università di Parma, in particolare dal RFID Lab del prof. Antonio Rizzi. Ma a Cibus Tec 2009 hanno trovato spazio anche le tecnologie d’imbottigliamento a cui è stata dedicata, in collaborazione con UCIMA, una giornata di approfondimento che ha riunito le più importanti espressioni della domanda e dell’offerta internazionali operanti nel bottling dei liquidi alimentari. E poi ancora pasta fresca industriale, catena del freddo, agrifarmaceutica e biotecnologie, ottimizzazione degli scarti di processo...

Tre rassegne in una - Nel quadro di queste importanti novità, però, la struttura portante dell’organizzazione di Cibus Tec è rimasta quella basata sulle tre rassegne principali: Tecnoconserve (tecnologie per la trasformazione dei prodotti vegetali); Milc (tecnologie lattiero-casearie, con grande attenzione ai prodotti di tendenza); Multitecno (tecnologie trasversali di imballaggio, etichettatura, igiene e sicurezza, tracciabilità ed identificazione). Nuova invece, come detto, la calendarizzazione, dal martedì al venerdì e rinnovato il layout ricettivo ed espositivo: per quest’ultima edizione sono stati inaugurati una nuova struttura centrale d’ingresso, nuovi collegamenti coperti fra i vari padiglioni, c’è stato adeguamento di tutte le strutture espositive esistenti, il completamento della riqualificazione del fronte autostradale, e la realizzazione di 3.000 nuovi posti auto.

Il futuro - A Parma si pensa già al futuro. Infatti, a partire dalla prossima edizione — a Parma dal 18 al 21 ottobre 2011 — la manifestazione assumerà una cadenza triennale. La scelta di prorogare ancora per un’edizione la cadenza biennale, però, è dettata dall’opportunità di sfruttare la contemporaneità con Summilk, il World Dairy Summit che Fiere di Parma organizzerà su mandato della FIL-IDF (Federazione Internazionale Lattiero Casearia) e che sarà in grado di richiamare  — e, di conseguenza, di veicolare a Parma — 2.000 operatori internazionali del comparto. Ma non solo. Perché, in contemporanea con Cibus Tec 2011, Fiere di Parma ospiterà anche SPS/ICP/DRIVES Italia, la fiera per il mercato italiano figlia della più grande rassegna al mondo di automazione industriale organizzata da Fiera di Francoforte a Norimberga. Questa manifestazione presenterà tecnologie che hanno molte sinergie con quelle di processo e di confezionamento offerte da Cibus Tec, rafforzando così il già importante effetto di richiamo che si eserciterà a livello internazionale sugli operatori professionali dell’industria agroalimentare. E ancora, la seconda edizione di Trace-ID e Log-ID: sempre durante Cibus Tec, infatti, dal 18 al 20 ottobre 2011 Fiere di Parma ospiterà le due manifestazioni realizzate in collaborazione con l’editrice specializzata TeMi al fine di presentare i migliori sistemi per la tracciabilità delle merci e le soluzioni di logistica integrata, per la gestione del fine-linea e l’organizzazione dei magazzini. Nel 2011 i visitatori del salone troveranno, poi, un quartiere fieristico rinnovato con un impianto di generazione fotovoltaica che coprirà circa 20.000 m2 e un nuovo padiglione/ingresso da 7.500 m2, già pronto per Cibus 2010.

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.