Edizioni Pubblicità Italia

Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Eventi
(Articolo di pagina 44)

Indovina chi cucina stasera… gli All Blacks!

Per l’evento “Cooking with the All Blacks” cinque campioni della Nazionale di Rugby della Nuova Zelanda per una sera si sono trasformati in esperti chef per promuovere i prodotti tipici della loro terra

Lo scorso 14 novembre gli All Blacks hanno sfidato (e ovviamente battuto) la nostra nazionale di rugby. Un test-match seguito da 83.000 spettatori in quel di San Siro, preceduto dalla tradizionale haka, la danza di guerra maori che apre sempre ogni partita della squadra neozelandese, lasciando tutti senza fiato. In occasione della trasferta italiana di questi ragazzoni dal fisico prorompente c’è stato anche un altro evento mediatico che ha catturato l’attenzione di tutti: per una sera, infatti, cinque campioni della nazionale di rugby della Nuova Zelanda (Mils Muliaina, Andrew Hore, Ma’a Nonu, Anthony Boric e Andy Ellis) si sono“ spogliati” delle mute da gioco per trasformarsi in esperti chef, cimentandosi in una gara culinaria durante la quale hanno preparato ricette italiane utilizzando alcuni prodotti tipici della loro terra.


Foto di gruppo alla serata “Cooking with the All Blacks”, svoltasi lo scorso 11 novembre a Milano. I cinque campioni della nazionale di rugby della Nuova Zelanda (da destra: Mils Muliaina, Ma’a Nonu, Andrew Hore, Anthony Boric, Andy Ellis) assieme a Natasha Stefanenko, Tania Zamparo e alle modelle di Italia’s Next Top Models 3.

Location prescelta, il ristorante milanese Grani & Braci, dove gli All Blacks, le modelle di Italia’s Next Top Models 3 e cuochi esperti (tra cui il nostro Lorenzo Fiorentin di Eurocarni!) si sono sfidati a colpi di pentole e stoviglie guidati dal team di Mangiando e Imparando e dalla sua scuola di cucina. Le portate sono state assaggiate e valutate da un’attenta giuria che ha premiato il migliore tra primi, secondi e un misterioso piatto a sorpresa. Hanno fatto parte della giuria anche Henry Graham, storico allenatore degli All Blacks, e il centrocampista del Milan Clarence Seedorf. All’evento, organizzato da New Zealand Trade and Enterprise, in collaborazione con Mangiando e Imparando – M&I, la sua scuola di cucina e il ristorante Grani & Braci e trasmesso in diretta esclusiva da Sky Sport 24, hanno partecipato anche l’affascinante e simpatica Natasha Stefanenko, lo chef Alessandro Borghese e altri ospiti del mondo dello sport e dello spettacolo.

Nuova Zelanda: non solo rugby ma anche agroalimentare di qualità

«I prodotti della Nuova Zelanda sono noti per la loro alta qualità, freschezza e sapore, poiché provengono da un ambiente incontaminato e acque purissime» ha dichiarato Bruce Gadd, Console generale e responsabile per il commercio della Nuova Zelanda. «Come gli italiani — ha proseguito Gadd — i neozelandesi hanno una passione per il cibo e il vino ed è per questo che gli All Blacks hanno deciso di condividere con l’Italia i sapori della cucina newzealander». Essendo gli italiani dei consumatori attenti, l’evento ha rappresentato una vetrina dei prodotti neozelandesi di più alto livello: la Nuova Zelanda, infatti, in questi anni, ha fatto tesoro del proprio territorio e della professionalità dei suoi innovatori, per diventare un produttore e un esportatore di alimenti e bevande di grandissima qualità. La Nuova Zelanda gode del vantaggio di essere un’isola, che si estende su 2.000 chilometri da nord a sud. Sfruttando una stagione produttiva particolarmente prolungata, il Paese può contare su un’ampia varietà di frutta e verdura, su pascoli abbondanti che garantiscono una produzione di carne e di latte su larga scala, e su una lunga costa circondata dall’oceano che garantisce nutrimento a pesci e crostacei sia di allevamento che di mare. L’acquacoltura, in particolare, è uno dei settori del Paese più sviluppato dell’industria alimentare: gli All Blacks, infatti, durante la preparazione delle portate, hanno utilizzato le cozze Greenshell™, allevate e prodotte da Aotearoa Seafoods Ltd, e il filetto di dentice, entrambi importati in Italia da Marr, le ostriche Jemco — il più grande allevatore di ostriche di integrazione verticale della Nuova Zelanda — importate da Omnia, oltre, naturalmente, al prodotto neozelandese più famoso in Italia, il kiwi gold.

I piatti dei neo chef

Il menu di “Cooking with the All Blacks” è stato appositamente creato per presentare gli ingredienti di maggiore qualità della Nuova Zelanda, utilizzando tecniche di cucina tradizionali italiane, e di mostrare la versatilità e i sapori della Nuova Zelanda. Per il primo e il secondo piatto gli invitati alla cena hanno potuto assaporare due prodotti di punta dell’allevamento neozelandese: la selvaggina prodotta da Deer Industria NZ e il tenero e succulento agnello fornito dalla Meat & Wool New Zealand, distribuiti in Italia da più importatori di carni. In particolare, ricordiamo la carne di cervo della Nuova Zelanda, sana e digeribile, povera di grassi, colesterolo e calorie, che convince con il suo sapore leggermente aromatico ed è importata dall’azienda Bervini. Gli esportatori di carne della Nuova Zelanda lavorano in stretta collaborazione con i distributori internazionali per forniture che siano complementari alla produzione di prodotti fuori stagione nell’emisfero settentrionale.

Per concludere il pasto, un dessert a sorpresa servito con il famoso miele di Manuka, considerato prodotto di lusso sia per le sue proprietà terapeutiche, sia per il sapore sopraffino, prodotto da Happy Valley e importato in Italia da Vegetal Progress. La Nuova Zelanda è inoltre un eccellente produttore di vini di alta qualità, sei dei quali — forniti da Auntsfield, Craggy Range, Giesen Wines Ltd, Konrad Wines Ltd, Schubert e Tohu — sono stati presentati anche in occasione dell’evento. Il clima marittimo temperato è simile a quello dell’Italia e ha una forte influenza sui vigneti, presenti prevalentemente sulle coste. Il lungo, lento periodo di maturazione aiuta a conservare la varietà dei sapori vivaci che rendono il vino neozelandese unico ed esclusivo.

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.